Controcanto in un tempo ostile

blu_notav

Prendi una valle alpina, riempila di grandi opere, bagnala con flusso costante di denaro, immettici criminalità organizzata, qualche tutore dell’ordine con oscure intenzioni, magistrati in cerca di gloria, un pizzico di servizi segreti e una stampa compiacente. Mischia il tutto, caricalo e sparalo con violenza contro tre giovani anarchici. Quello che otterrai non è la trama di un thriller di successo, ma una storia vera, avvenuta tra la Val Susa e Torino. Italia. Anni novanta.

Controcanto in un tempo ostile è un monologo di teatro civile che racconta una vicenda paradigmatica su come il potere controlla e modifica i nostri territori e le nostre vite.

Questa è la storia di Sole e Baleno, morti suicidi nel ‘98. Una storia drammatica, cupa, oscura, difficile da raccontare e proprio per questo necessaria.

Ma è anche un viaggio, sotto forma di ballata, dalla pianura padana alla Valsusa, tra autostrade, svincoli, outlet, centri commerciali. Un viaggio in un paesaggio prosciugato dalla cementificazione. Un paesaggio che sta nelle nostre anime, fatto dalle storie che ci raccontiamo per credere che tutto vada ancora bene…e ancora…e ancora. Finché non cambieremo paesaggio.

Di e con Oscar Agostoni

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...